Verso una maggiore equità: nuove modalità di calcolo e verifica dell’ISEE

Il Comune di Bologna nel corso del 2012 ha profuso un grande impegno al fine di conseguire una maggiore equità.
All’inizio dell’anno è stato approvato il nuovo indicatore ISEE (utilizzato per stabilire tariffe ed eventuali agevolazioni in numerosi servizi offerti dal Comune), che di fatto equipara le coppie sposate a quelle che non lo sono, e va così a cancellare i vantaggi di cui potevano godere queste ultime: nel calcolo dell’ISEE, ora rientrano le situazioni finanziarie di entrambi i genitori, anche se non sposati.
Il 20 di novembre inoltre è stata approvata una delibera che introduce tre novità di portata significativa:
1. Ai controlli a campione verranno affiancati controlli mirati sulle situazioni considerate maggiormente a rischio. Su quali parametri viene valutato il rischio? In primo luogo, come sottolinea la Vicesindaco Silvia Giannini, “i lavoratori dipendenti hanno meno possibilità di evadere”; in secondo luogo, sarà possibile incrociare i dati dichiarati con quelli già in possesso dell’Amministrazione.
2. I controlli potranno essere effettuati sulle dichiarazioni presentate fino a cinque anni prima dell’avvio del procedimento, mentre finora il limite era fissato a 180 giorni.
3. Il procedimento di verifica, che prima aveva come termine ultimo 9 mesi dal suo avvio, d’ora in avanti dovrà concludersi entro 60 giorni: ciò sottende necessariamente un processo di semplificazione amministrativa che consente di migliorare l’efficienza del procedimento.

Lascia un commento

*I commenti postati sulle pagine del sito verranno moderati dalla redazione prima di essere pubblicati. Verranno cancellati tutti i messaggi contenenti insulti, offese, discriminazioni di qualsiasi genere o contenuti non attinenti ai temi di questo sito.